Massey Ferguson Global Series, il trattore “globale”

  • SumoMe

 

Massey Ferguson Global Series

Presentata lo scorso anno durante l’evento AGCO ‘Vision of the Future’, tenutosi presso lo stabilimento dell’azienda a Beauvais (Francia), la nuova Global Series è il risultato di un investimento di oltre 350 milioni di dollari e più di sei anni di ricerca e di sviluppo. Questa nuova gamma di trattori pensata per soddisfare le esigenze degli agricoltori nei diversi paesi, sarà prodotta in differenti impianti produttivi situati in tutto il mondo.

Richard Markwell, vice presidente e amministratore delegato di Massey Ferguson EMEA precisa che la Global Series è stata progettata partendo dal concetto di “utility tractor”con l’obbiettivo di riprogettarlo da zero: “circa il 90% dei componenti sono completamente nuovi”. Più di 36.000 ore di laboratorio e prove in campo hanno portato a effettuare test con prototipi in Africa, Asia, Europa e America.

Per concepire questo “trattore globale”, AGCO ha creato una rete di impianti di produzione “flessibili”, in modo che sia possibile produrre e assemblare la sua nuova gamma ovunque nel mondo, per essere il più possibile vicino ai clienti. Questo “network” comprende Canoas in Brasile, Chennai in India, Manisa in Turchia e Changzhou in Cina; la fabbrica cinese è stata costruita appositamente per servire sia per la produzione di trattori che per la fornitura dei componenti principali. Interamente di proprietà e gestito da AGCO, l’impianto di produzione è stato attrezzato con le stesse macchine, processi e sistemi di produzione e assemblaggio utilizzati nelle fabbriche AGCO nel resto del mondo.

mf4709_dieppe_fr_0314_5800_81183-1

La Massey Ferguson Global Series sarà introdotta gradualmente nel corso dei prossimi cinque anni. Progettata per la distribuzione globale in una moltitudine di applicazioni, i  nuovi trattori saranno disponibili in versione senza cabina, semi-piattaforma, piattaforma e cabina, con potenze da 60 a 130 cv. Il primo modello, MF 4708 da 82 CV, è già in produzione per i mercati africani. Per quanto riguarda il continente europeo, invece, sarà proprio lo stabilimento francese di Beauvais a produrre la versione cabinata del MF4700, con un obbiettivo di 2.500 unità all’anno.

A proposito di Davide